Il Gazzettino 19 luglio 2015

popcorn… Una ventenne S.P., ha quindi ottenuto il risarcimento del danno che il giudice Campagnolo (della terza sezione civile) ha fissato in 42 mila euro. A portare alla luce questo episodio è l’avvocato Giorgio Caldera che ha assistito la giovane rimasta con una gamba fratturata in seguito a quella vicenda avvenuta al Pop Corn Club di Marghera. Stando al racconto del legale, la giovane si era recata con alcuni amici nel locale per assistere ad un evento che vedeva alternarsi gruppi musicali e deejay. ad un certo punto, mentre stava ballando con alcuni coetanei, era rimasta colpita da una cassa che era caduta dal palco, quindi poco più in alto da dove era lei. In base alla ricostruzione fatta dall’avvocato la cassa era stata fatta cadere da S.T., che era salito sul palco probabilmente per ballare. Il giovane aveva subito detto che non si riteneva responsabile di quanto era accaduto (forse era inciampato) e per questo l’avvocato Caldera aveva avviato la causa in Tribunale sostenendo, quindi, che la ragazza aveva riportato lesioni di una certa rilevanza con effetti anche sul modo di camminare. Ora dopo una serie di verifiche, il Tribunale civile ha stabilito che effettivamente la responsabilità di quanto accaduto è legata proprio all’azione del giovane. …

[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]