Il Gazzettino 5 settembre 2015

cadesulponte… Una giovane donna veneziana dovrà essere risarcita a seguito di quell’incidente. Lo ha stabilito la quarta sezione civile della Corte d’Appello di Venezia la quale, ribadendo la decisione di primo grado ha condannato il Comune di Venezia a versarle più di 8mila euro oltre ad interessi e rivalutazione, e ulteriori 8mila euro di spese di lite. L’infortunio risale al lontano 2002 la mattina del 4 febbraio la donna si stava recando al lavoro, quando cadde sul ponte fratturandosi un piede. Una persona che si trovava con lei testimoniò che un gradino aveva ceduto: ciò nonostante nel 2008 il Tribunale le respinse la richiesta di risarcimento. Il legale dell’infortunata, l’avvocato Giorgio Caldera, ha presentato ricorso ed a distanza di sette anni la Corte gli ha dato ragione. …

[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]