La Cassazione Civile è intervenuta in una nuova disputa in materia condominiale concernente l’emissione di cattivi odori a seguito di una insolita vicenda, dove fumi e odori persistenti sono stati oggetto di vertenze giudiziarie tra vicini.

Confermando le decisioni dei primi due gradi di giudizio la Corte di Cassazione ha, per la prima volta, condannato una famiglia dichiarandola colpevole per molestie olfattive, nuovo reato inquadrato in quello di “getto pericoloso di cose”, ai sensi dell’art. 674 del codice penale, respingendo l’argomentazione secondo cui tale norma non sarebbe estensibile agli odori.

 

Commento a cura di

Avv. Raffaella Rodà

Studio Legale Associato Agazzi Caldera

In allegato è disponibile il testo integrale in pdf Sentenza